Coming soon…

AA.VV., Art and Videogames. Neoludica, Skira, Milano 2011, Italian / English

Texts by: Debora Ferrari, Luca Traini, Andrea Ferrari, Elena Di Raddo, Ambra Bonaiuto, Salvatore Mica and Salvatore Fallica, Alessandra Coppa, Matteo Bittanti, Domenico Quaranta, Mauro Nicolini, Eleonora Charans, Chiara Di Stefano, Cristina Casero, Federico Salerno, Kevin McManus, Margherita Balzerani, Jaime d’Alessandro.

Works by: Samuele Arcangioli, Marco Cadioli, Federico Castronuovo, Mauro Ceolin, Damiano Colacito, Paolo Della Corte, Massimo Giuntoli, Auriea Harvey & Michael Samyn, IOCOSE, Lorne Lanning and Sherry McKenna, Les Liens Invisibles, Miltos Manetas, Eva and Franco Mattes aka 0100101110101101.org, Molleindustria, Mikayel Ohanjanyan, Gabriella Parisi, Antonio Riello, Alessandra Rigano, Santa Ragione, Marianna Santoni, Federico Solmi, Stefano Spera, Tonylight, VjVISUALOOP, Jan Vormann, TIBE, Carlo Zanni, and many more.

Italians Do It Better!!, by Domenico Quaranta (English)

Domenico Quaranta, “Italians Do It Better!!”, in AA.VV., Neoludica. Art Is a Game 2011 – 1966, Skira, Milano 2011.

I

Italians Do It Better!! was an exhibition that ought to be done. After a few years working as an art critic and curator, I learned to look with suspicion at the following things: exhibitions that seek to explore the artistic use of any given medium, and exhibitions that refer to an alleged national identity. Both these categories are today, in art, misleading and outdated. Artists are moving between media with the same freedom with which they cross national borders. Contemporary art is now a global Esperanto, a lingua franca that makes use of all media to generate a dialogue, on a common platform, between artists from all over the world.

This doesn’t mean, of course, that the specific nature of a medium, as well as cultural identity, are obsolete, remnants of a past that someone tries, painfully and artificially, to keep alive. They are, however, the result of a choice, an achievement, not a badge or a label that qualify an artist for the simple fact that she is born in a certain place, or that she usually works with a specific medium. There are no such things as Iranian video art, German photography, Latin American performance, Japanese painting; and any attempt to cluster a group around terms like these has to fight, on the one hand, with transnational affinities and, on the other, with transmedia affinities. But there can be, and indeed there is, an artist who has carved with pain in her Iranian identity, and who has found in video the best suited language to talk about it; there can be, and there is, an artist able to express – mostly in the form of a painting – contemporary Japanese culture and its elements of continuity and rupture with an ancestral tradition. Continua a leggere

Italians Do It Better!!, di Domenico Quaranta (Italiano)

Domenico Quaranta, “Italians Do It Better!!”, in AA.VV., Neoludica. Art Is a Game 2011 – 1966, Skira, Milano 2011.


I

Italians Do It Better!! era una mostra necessaria. Nei pochi anni della mia attività di critico e curatore, ho imparato a guardare con sospetto due cose: le mostre che cercano di esplorare l’uso artistico di un determinato mezzo, e le mostre che fanno riferimento a una presunta identità nazionale. Entrambe queste categorie risultano oggi, in arte, fuorvianti e obsolete. Gli artisti si muovono tra i media con la stessa libertà con cui attraversano i confini degli stati nazionali. L’arte contemporanea è, oggi, un esperanto globale, una lingua franca che si serve di tutti i media per far dialogare, su una piattaforma comune, artisti di qualsiasi origine.

Ciò non significa, ovviamente, che la specificità mediale, come la specificità culturale, siano lettera morta, fatti del passato che qualcuno si sforza, penosamente, di tenere in vita. Significa, però, che sono il frutto di una scelta e di una conquista, non un’etichetta che un artista si porta in fronte per il semplice fatto di essere nato in un determinato luogo, o di servirsi preferibilmente di un determinato medium. Non esiste una video arte iraniana, una fotografia tedesca, una performance latino-americana, una pittura giapponese, e qualsiasi tentativo di raccogliere un gruppo attorno a definizioni come queste dovrà lottare, da un lato, con affinità elettive transnazionali e, dall’altro, con affinità elettive transmediali. Ma può esistere ed esiste una artista che ha scavato, con dolore, nella propria identità di iraniana, e che ha trovato nel video il linguaggio più consono a raccontarla; può esistere, ed esiste, un artista capace di raccontare la cultura giapponese contemporanea nei suoi elementi di rottura e di continuità con una tradizione ancestrale, e di farlo per lo più con i mezzi della pittura. Continua a leggere

Teh Italians Do it Bettah!!, by Matteo Bittanti (English)

Matteo Bittanti, “Teh Italians Do it Bettah!!”, in AA.VV., Neoludica. Art Is a Game 2011 – 1966, Skira, Milano 2011.

italians 1009 up, 406 down

An incredibly cultured people who work hard and are not considered white by white people and yet not considered minorities to the WASP-ass government.

Sometimes get a bad rep because of movies and shows where they are depicted as gangsters. Italian women are strong-willed, hard-working, and completely hot just like Irish and Black women. Usually have beautiful olive skin and dark hair. Italian men love their families and work hard and many are incredibly intelligent, despite what it shows in the movies. Leonardo DiVinci, an Italian man, was one of the smartest men in the world. Italians are also great artists. An Italian discovered America, an Italian named America, the Italians slave to make a better life while WASPs like Peter kick us in the face. And don’t sit there rolling your eyes, whities, because I know you wouldn’t give a damn if another minority wrote this, but simply because you think I’m Italian you blow this off. You’re hypocrites.

Italian power, brother! Power to all minorities! (I_am_There, 2005)

italians 167 up, 117 down

italian living in italy is somebody who actually says “we are the best in the world” (sounding in italian like “ui ar de best in de uold”) and he means it. Constantly bragging about himself and italy

while he never traveled away of his hometown.

Italians (thinking about football) say:”we are the best in the world!” Rest of the World (thinking about culture, economy, aviation, military organization, transports, modern architecture, technology, engineering, basketball, baseball, tennis, olympics, and so on) says: “Are you sure?” (mave73, 2008)

Despite their apparent, manifest inanity, these two definitions, currently hosted on the Urban Dictionary, are both (un)intentionally funny and (un)expectedly clever. For those who are not familiar with Urban Dictionary, this open archive of web-based and web-centric dictionary words and phrases featuring over 11 million definitions at time of writing, was included in TIME magazine Top 50 Best Websites list (2008, that is). Launched in 1998 by a then computer science student at California Polytechnic State Institute, Aaron Peckham, Urban Dictionary provides useful insights on how Italians are perceived in the age of videocracy, at least in the online vernacular. Each definition is written by users (read: amateurs) rather than by professional linguists or experts in etymology. And each description is voted “up” or “down” by any site visitor, with the definitions appearing in descending order of highest ratio of thumbs up to thumbs down votes, in an attempt to “democratize” the meaning-making process while rewarding the so-called wisdom of the crowds. This bottom-up approach is antithetical to a more traditional curatorial practice – e.g. an art exhibition – in which one or more specialists are assigned to identify and subsequently invite a selected number of artists for a specific goal or agenda. Continua a leggere

Teh Italians Do it Bettah!!, di Matteo Bittanti (italiano)

Matteo Bittanti, “Teh Italians Do it Bettah!!”, in AA.VV., Neoludica. Art Is a Game 2011 – 1966, Skira, Milano 2011.

italiani 1009 su, 406 giù
Popolazione incredibilmente acculturata che lavora duro, ma che non è considerata “bianca” dai bianchi ma nemmeno una minoranza da parte del dannato governo WASP. Godono talvolta di una pessima reputazione per via dei film e di spettacoli che li presentano come criminali. Le donne italiane hanno un carattere deciso, lavorano duro, e sono calienti come le donne irlandesi e di colore. Di solito hanno una bella carnagione olivastra e una chioma scura. Gli uomini italiani amano le loro famiglie e lavorano duro e molti di loro sono straordinariamente intelligenti, nonostante quello che passa al cinema. Leonardo Da Vinci, un uomo italiano, è considerato uno degli individui più intelligenti del mondo. Gli italiani sono inoltre dei grandi artisti. Un italiano ha scoperto l’America, un italiano l’ha chiamata “America”, gli Italiani lavorano sodo per migliorare le proprie condizioni di vita, mentre WASP come Peter ci prendono a calci in faccia. E non fate quella faccia, bianchi! So che non ve ne importerebbe nulla se un’altra minoranza avesse scritto queste parole, ma non ignoratemi solo perché pensate che sia italiano! Siete degli ipocriti.
Potere italiano, fratello! Potere alle minoranze!
(I_am_There, 2005)

italians 167 su, 117 giu
Un italiano che vive in Italia è uno che solitamente dice cose tipo “siamo i migliori del mondo (che in inglese suona tipo “ui ar de best in de uold”) e ci crede davvero. Millanta meriti per sè e per l’Italia pur non avendo mai lasciato il suo villaggio. Gli italiani (parlando di calcio) dicono: Siamo i migliori del mondo”. Il resto del mondo (parlando di cultura, economia, aviazione, forze armate, trasporti, architettura moderna, tecnologia, ingegneria, pallacanestro, tennis, sport olimpici etc etc) risponde: “Davvero?”
(mave73, 2008)

Nella loro manifesta inanità, le due definizioni in esergo, tratte da Urban Dictionary, risultano al tempo stesso comiche ed inaspettatamente intelligenti. Inaugurato nel 1998 da Aaron Peckham, allora studente di informatica presso il California Polytechnic State Institute, questo frequentatissimo database online di termini ed espressioni del vernacolare contemporaneo figurava nel 2008 tra i migliori 50 siti del mondo secondo una classifica stilata dal settimanale TIME. Al momento di andare in stampa, Urban Dictionary raccoglie oltre undici milioni di definizioni. I testi sono scritti da utenti (leggi: amateurs), anziché da linguisti di professione o da esperti di etimologia. Ogni lemma viene sottoposto allo scrutinio degli altri navigatori, che possono votarlo per mezzo di un semplice click: “su” o “giù”: grazie a Mark Zuckerberg e ai suoi seicento milioni di seguaci, la logica della rete è binaria e non ammette sfumature di senso. In questo modo, si viene a creare una gerarchia per cui le definizioni più “apprezzate” vengono visualizzate per prime. L’obiettivo è democratizzare la “creazione di senso” (sense making) e premiare la cosiddetta “intelligenza collettiva”. Pur essendo assai differenti dalle spiegazioni che si trovano in un dizionario come il Devoto-Oli, i lemmi dell’Urban Dictionary offrono nondimeno preziose informazioni sulla percezione sociale degli italiani nell’era videocratica. Questo approccio “dal basso” si colloca agli antipodi di un modello di curatela più tradizionale e, se vogliamo, autocratico. Nel caso di una esibizione d’arte, per esempio, il processo prevede solitamente la selezione di un tema seguito dall’invito a un certo numero di artisti a sottoporre un’opera o un progetto da parte di uno o più curatori. Al pari di un lemma del vocabolario, il titolo di una mostra descrive, illustra e inquadra una specifica situazione. In questo caso, di che situazione si tratta? Continua a leggere