Sparami da Linz a Venezia

Il numero di giugno di Digimag propone un lungo articolo / intervista di Mathias Jansson a Matteo Bittanti, per lo più dedicata a Italians Do It Better!! La versione inglese dell’intervista, senza tagli, è disponibile su Gamescenes.org.

Digimag‘s June issue features a long article / interview between Mathias Jansson and Matteo Bittanti, mostly focused on Italians Do It Better!! The English, unabridged version is available on Gamescenes.org.

Italians Do It Better!! – Press Release

[ENGLISH VERSION BELOW]

A cura di: Matteo Bittanti e Domenico Quaranta
Per: Neoludica. Art Is A Game 2011 – 1966
54. Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, Eventi collaterali
Sala Dei Laneri, Santa Croce 131, Venezia
Dal 1 giugno al 27 novembre 2011

ITALIANS DO IT BETTER!! è un Padiglione Italia alternativo, una retrospettiva irriverente e spavalda che celebra le sperimentazioni di artisti che si confrontano con i videogiochi come cultura e come mezzo, soggetto e oggetto, punto di partenza e arrivo.
Sin dagli anni Novanta, gli artisti italiani hanno dimostrato un precoce e inedito interesse nei confronti dei videogiochi: anticipando fenomeni come il cinema videoludico dei machinima, le produzioni indipendenti, e l’ascesa del divertimento elettronico come forma d’intrattenimento di massa. Progettata per la prima edizione dell’evento NEOLUDICA. ART IS A GAME 2011 – 1966, ITALIANS DO IT BETTER!! intende rendere un tributo a questo percorso, analizzarne gli sviluppi recenti e ipotizzare evoluzioni future. Il titolo è insieme celebrativo e ironico, se non apertamente polemico: vuole, da un lato, ricordare che se l’Italia del game design arranca, quella dell’arte videoludica affascina il mondo da almeno vent’anni; ma vuole anche, dall’altro, mettere in discussione l’idea stessa di “italianità”, considerando che molti degli artisti coinvolti hanno da tempo lasciato il paese per trasferirsi all’estero.
«Dietro all’apparente celebrazione dell’“italianità”, si cela piuttosto un’esplorazione critica di quest’ambigua nozione attraverso il filtro dell’arte videoludica. Anziché fornire una semplice e inequivoca risposta a una domanda apparentemente ovvia – Che cos’è l’Italia, oggi? – la premessa/promessa di questa mostra è che gli Italiani “possono fare miracoli quando meno te lo aspetti”. Queste avan-guardie sono i nostri radar culturali», spiega Matteo Bittanti.
Aggiunge Domenico Quaranta: «l’arte italiana ha dato un contributo decisivo al riconoscimento del videogioco come una delle forme fondamentali attraverso cui si manifesta la cultura contemporanea e, più in generale, alla riflessione sul videogioco come artefatto culturale. L’importanza di questo contributo si può misurare sia dalla tempestività di alcuni risultati, sia dalla loro qualità. Era giunto il momento di raccogliere tutto questo in un evento in cui quanto appariva, finora, una emergenza isolata fosse ricollocato in un contesto e facesse, con il resto, massa critica.» ITALIANS DO IT BETTER!! è tutto questo.

Artisti: Matteo Bittanti + IOCOSE, Marco Cadioli, Mauro Ceolin, Damiano Colacito, Les Liens Invisibles, Miltos Manetas, Eva & Franco Mattes aka 0100101110101101.ORG, Molleindustria, Antonio Riello, Santa Ragione, Federico Solmi, Stefano Spera, Tonylight, Vjvisualoop, Carlo Zanni.

Materiale stampa:
https://italiansdoit.wordpress.com/press/

Maggiori informazioni:
https://italiansdoit.wordpress.com/
http://www.neoludica.it/

ITALIANS DO IT BETTER!!

Curated by: Matteo Bittanti and Domenico Quaranta
For: Neoludica. Art Is A Game 2011 – 1966
54. Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia,
Collateral Events
Sala Dei Laneri, Santa Croce 131, Venezia
June 1 – November 27, 2011

ITALIANS DO IT BETTER!! is an alternative Italian pavillion, an irreverent and bold retrospective celebrating the artistic interventions of several generations of tinkerers that use videogames as both tools and means, subject and object of their practices, point of departure and arrival of a techno-ludic exploration. Since the early Nineties, Italian artists have been manifesting an irresistible attraction for digital gaming. They have introduced new original formats – like machinima and political & critical games – an investigated the cultural, social, and economic impact of this medium while the local couch potatoes were distracted by the rise and rise of commercial television.
Designed for the first edition of NEOLUDICA. ART IS A GAME 2011 – 1966, ITALIANS DO IT BETTER!! pays homage to a multitude of artistic trajectories, showcases the most recent developments, and imagines possible futures. The title is both celebratory and sarcastic, if not openly polemic: it reminds us that the ongoing failure of the Italian videogame industry is counterbalanced by a prodigious explosion of original and innovative game-related artistic projects. It also questions the very notion of “Italian-ness”, as several artists featured in the exhibition have long fled the country for political and cultural reasons. ITALIANS DO IT BETTER!! thus asks “What does it mean to be an “Italian” artist working with video-games, today?”.
As Matteo Bittanti suggests, «Beneath an apparent jingoistic commemoration of “italian-ness” lies a critical exploration of such puzzling notion through the filter of videogame-informed art. Rather than providing a simple and unequivocal answer to an apparently straightforward question, the premise & promise of this exhibition is that Italians “can work miracles when you least expect it”. These mavericks are our cultural radars».
Domenico Quaranta further elaborates: «Italian art has made a decisive contribution to the recognition of videogames as one of the basic forms of contemporary culture and, more generally, to the reflection on videogame as a cultural artifact. The importance of this contribution can be measured by both the timeliness of some results, and by its quality. We felt it was was necessary to document these achievements in an event in which could reach a mass audience, and thus stimulate a broader conversation.»
Come to Venice to see – and play – with the past, present, and future of Italian Game Art. After all, ITALIANS DO IT BETTER!!

Artists: Matteo Bittanti + IOCOSE, Marco Cadioli, Mauro Ceolin, Damiano Colacito, Les Liens Invisibles, Miltos Manetas, Eva & Franco Mattes aka 0100101110101101.ORG, Molleindustria, Antonio Riello, Santa Ragione, Federico Solmi, Stefano Spera, Tonylight, Vjvisualoop, Carlo Zanni.

Press Material:
https://italiansdoit.wordpress.com/press/

More info:
https://italiansdoit.wordpress.com/
http://www.neoludica.it/

Game Arthritis. The Website

Game Arthritis, the project developed by Matteo Bittanti and the collective IOCOSE expecially for Italians Do It Better, has now a dedicated website. Far for being a simple portfolio, the website provides in-depth documentation on any case study, complete with quotes from articles and papers and scientific documents.

More about the project: English…

What are the real effects of digital gaming to our fingers, hands, and bodies? The conformity of interfaces produces deformity. It’s a fact. Call it “the reality of the virtual”. Prolonged vicarious aggression lead to permanent physical disfiguration. Gaming activities produce real consequences for the users. Research has been conducted for years in several clinical laboratories across the globe but doctors and researchers are not willing to share their findings with the general population. However, evidence of new technologically-induced diseases is now becoming known outside of the scientific community. These pathologies – labeled collectively “Game arthritis” – are officially not “recognized”. The authorities have dismissed this hidden epidemic as “mass hysteria”. But according to some scientists – who speak under condition of anonymity fearing ostracization – these undiagnosed disorders are the psychopathology of ludic societies. Digital technology is indeed damaging users’ fingers, arms, postures… Even their DNA is compromised. Game arthritis is not supposed to exist. Game companies do not want to talk about it. Clinicians and dermatologists do not want to discuss it. Labs refuse to run tests. And yet, thousands of players manifest similar symptoms. Thousands of players feel real pain in their bodies. Affected subjects are not delusional. Photos and images are beginning to circulate on the internet. We have collected a few samples.

And Italian…

Game Arthritis denuncia il danno fisico apportato dalla fruizione videoludica, un danno che le autorità e le software house hanno coperto per anni. Il progetto vuole mostrare come i videogiochi abbiano causato alterazioni fisiche ai giocatori, provocando forme di artrite incurabile, deformazioni e danni permanenti a muscoli e legamenti. La comunità scientifica aveva diffuso sul finire degli anni novanta una serie di studi scientifici sul cosiddetto Nintendo, o Playstation, “Thumb”. Secondo questi studi l’uso frequente del joypad può creare forme di ipertrofia muscolare e malformazioni, tra cui quella del “pollice” di abnormi dimensioni o infiammazioni gravi ai tendini del polso. Game Arthritis denuncia gli effetti di una piaga sociale di immani proporzioni. Se i telefoni cellulari vengono spesso accusati di emettere onde cancerogene, i videogiochi sono stati raramente compresi per il loro potenziale nocivo. Considerata la loro diffusione, i videogiochi costituiscono oggi la più seria minaccia alla salute fisica della nostra società.

Teh Italians Do it Bettah!!, by Matteo Bittanti (English)

Matteo Bittanti, “Teh Italians Do it Bettah!!”, in AA.VV., Neoludica. Art Is a Game 2011 – 1966, Skira, Milano 2011.

italians 1009 up, 406 down

An incredibly cultured people who work hard and are not considered white by white people and yet not considered minorities to the WASP-ass government.

Sometimes get a bad rep because of movies and shows where they are depicted as gangsters. Italian women are strong-willed, hard-working, and completely hot just like Irish and Black women. Usually have beautiful olive skin and dark hair. Italian men love their families and work hard and many are incredibly intelligent, despite what it shows in the movies. Leonardo DiVinci, an Italian man, was one of the smartest men in the world. Italians are also great artists. An Italian discovered America, an Italian named America, the Italians slave to make a better life while WASPs like Peter kick us in the face. And don’t sit there rolling your eyes, whities, because I know you wouldn’t give a damn if another minority wrote this, but simply because you think I’m Italian you blow this off. You’re hypocrites.

Italian power, brother! Power to all minorities! (I_am_There, 2005)

italians 167 up, 117 down

italian living in italy is somebody who actually says “we are the best in the world” (sounding in italian like “ui ar de best in de uold”) and he means it. Constantly bragging about himself and italy

while he never traveled away of his hometown.

Italians (thinking about football) say:”we are the best in the world!” Rest of the World (thinking about culture, economy, aviation, military organization, transports, modern architecture, technology, engineering, basketball, baseball, tennis, olympics, and so on) says: “Are you sure?” (mave73, 2008)

Despite their apparent, manifest inanity, these two definitions, currently hosted on the Urban Dictionary, are both (un)intentionally funny and (un)expectedly clever. For those who are not familiar with Urban Dictionary, this open archive of web-based and web-centric dictionary words and phrases featuring over 11 million definitions at time of writing, was included in TIME magazine Top 50 Best Websites list (2008, that is). Launched in 1998 by a then computer science student at California Polytechnic State Institute, Aaron Peckham, Urban Dictionary provides useful insights on how Italians are perceived in the age of videocracy, at least in the online vernacular. Each definition is written by users (read: amateurs) rather than by professional linguists or experts in etymology. And each description is voted “up” or “down” by any site visitor, with the definitions appearing in descending order of highest ratio of thumbs up to thumbs down votes, in an attempt to “democratize” the meaning-making process while rewarding the so-called wisdom of the crowds. This bottom-up approach is antithetical to a more traditional curatorial practice – e.g. an art exhibition – in which one or more specialists are assigned to identify and subsequently invite a selected number of artists for a specific goal or agenda. Continua a leggere

Teh Italians Do it Bettah!!, di Matteo Bittanti (italiano)

Matteo Bittanti, “Teh Italians Do it Bettah!!”, in AA.VV., Neoludica. Art Is a Game 2011 – 1966, Skira, Milano 2011.

italiani 1009 su, 406 giù
Popolazione incredibilmente acculturata che lavora duro, ma che non è considerata “bianca” dai bianchi ma nemmeno una minoranza da parte del dannato governo WASP. Godono talvolta di una pessima reputazione per via dei film e di spettacoli che li presentano come criminali. Le donne italiane hanno un carattere deciso, lavorano duro, e sono calienti come le donne irlandesi e di colore. Di solito hanno una bella carnagione olivastra e una chioma scura. Gli uomini italiani amano le loro famiglie e lavorano duro e molti di loro sono straordinariamente intelligenti, nonostante quello che passa al cinema. Leonardo Da Vinci, un uomo italiano, è considerato uno degli individui più intelligenti del mondo. Gli italiani sono inoltre dei grandi artisti. Un italiano ha scoperto l’America, un italiano l’ha chiamata “America”, gli Italiani lavorano sodo per migliorare le proprie condizioni di vita, mentre WASP come Peter ci prendono a calci in faccia. E non fate quella faccia, bianchi! So che non ve ne importerebbe nulla se un’altra minoranza avesse scritto queste parole, ma non ignoratemi solo perché pensate che sia italiano! Siete degli ipocriti.
Potere italiano, fratello! Potere alle minoranze!
(I_am_There, 2005)

italians 167 su, 117 giu
Un italiano che vive in Italia è uno che solitamente dice cose tipo “siamo i migliori del mondo (che in inglese suona tipo “ui ar de best in de uold”) e ci crede davvero. Millanta meriti per sè e per l’Italia pur non avendo mai lasciato il suo villaggio. Gli italiani (parlando di calcio) dicono: Siamo i migliori del mondo”. Il resto del mondo (parlando di cultura, economia, aviazione, forze armate, trasporti, architettura moderna, tecnologia, ingegneria, pallacanestro, tennis, sport olimpici etc etc) risponde: “Davvero?”
(mave73, 2008)

Nella loro manifesta inanità, le due definizioni in esergo, tratte da Urban Dictionary, risultano al tempo stesso comiche ed inaspettatamente intelligenti. Inaugurato nel 1998 da Aaron Peckham, allora studente di informatica presso il California Polytechnic State Institute, questo frequentatissimo database online di termini ed espressioni del vernacolare contemporaneo figurava nel 2008 tra i migliori 50 siti del mondo secondo una classifica stilata dal settimanale TIME. Al momento di andare in stampa, Urban Dictionary raccoglie oltre undici milioni di definizioni. I testi sono scritti da utenti (leggi: amateurs), anziché da linguisti di professione o da esperti di etimologia. Ogni lemma viene sottoposto allo scrutinio degli altri navigatori, che possono votarlo per mezzo di un semplice click: “su” o “giù”: grazie a Mark Zuckerberg e ai suoi seicento milioni di seguaci, la logica della rete è binaria e non ammette sfumature di senso. In questo modo, si viene a creare una gerarchia per cui le definizioni più “apprezzate” vengono visualizzate per prime. L’obiettivo è democratizzare la “creazione di senso” (sense making) e premiare la cosiddetta “intelligenza collettiva”. Pur essendo assai differenti dalle spiegazioni che si trovano in un dizionario come il Devoto-Oli, i lemmi dell’Urban Dictionary offrono nondimeno preziose informazioni sulla percezione sociale degli italiani nell’era videocratica. Questo approccio “dal basso” si colloca agli antipodi di un modello di curatela più tradizionale e, se vogliamo, autocratico. Nel caso di una esibizione d’arte, per esempio, il processo prevede solitamente la selezione di un tema seguito dall’invito a un certo numero di artisti a sottoporre un’opera o un progetto da parte di uno o più curatori. Al pari di un lemma del vocabolario, il titolo di una mostra descrive, illustra e inquadra una specifica situazione. In questo caso, di che situazione si tratta? Continua a leggere